Sposiparma.it
 
LINK

 Parmigiano Reggiano vendita online
 San Pietro Sopra Le Acque
 Prodotti Tipici Marketing
 Tipic Hotels
 
 
LA CITTA'

  Itinerari turistici
  La Rocca
  Nei dintorni
  Fiere e Manifestazioni
  Mercatino antiquariato
  Premi e Concorsi
  Ambiente
  Gastronomia
 
 
I SERVIZI

 
Municipio
  Numeri Utili
  Trasporti
  Utilità
  Farmacie
  Anziani
  Sport Locale
Annunci Immobiliari Roccabianca
 
 
IL TURISMO

  Vie d'accesso
  Cenni storici
 
 
VARIE

  Home
  Chi Siamo
  Links
  Suggerimenti?
  E-mail
 
  LA ROCCA
Il castello o Rocca, fulcro del sistema urbanistico di Roccabianca, è in pratica il punto d'incontro di tutte le strade di accesso al paese. In particolare l'antica via Provinciale Padana si apre quì,
perpendicolarmente alle mura, nell'antica Piazza del Mercato, oggi piazza Minozzi, che rivela la sua funzione di servizio al maniero feudale; la sua forma a ferro di cavallo allungato e la struttura interamente porticata derivano da una sistemazione settecentesca. La Rocca è separata dall'area antistante da un tratto di mura superstiti della prima cinta ( originariamente sembra che dovessero essere tre).
Attraverso le mura si accede a quello che una volta era il fossato e tramite un ponte in muratura che sostituisce il precedente ponte levatoio, all'ingresso vero e proprio sopra il quale campeggia lo stemma dei Rangoni e dei Pallavicino.
La pianta è asimmetricamente quadrangolare e questo si nota anche nella facciata dove l'ala a sinistra del portale è più bassa: probabilmente questo fatto è dovuto al fatto che la costruzione(1450)avvenne in due tempi: la parte sinistra, con il mastio e il torrione angolare della facciata fu costruita per prima, mentre la parte destra e il torrione posteriore fu fabbricata successivamente.
Originariamente l'interno era completamente affrescato mentre ora restano alcuni bei soffitti a travetti dipinti con festoni, putti, allegorie e simboli araldici dei Rangoni e alcuni soffitti a cassettoni della fine del '400. Un tempo la sala con volte a crociera della facciata ospitava la "Camera della Griselda", una stanza che Pier Maria Rossi aveva voluto decorata con la centesima novella del
Decamerone di Boccaccio e col soffitto con un dipinto astrologico riferentesi alle proprie gesta. Gli affreschi, stesi con la tecnica della "terra verde", illustrano, con grande fedeltà al testo letterario, in 24 scene, la novella di Griselda, figlia di un pastore e sposa del marchese di Saluzzo onorata come marchesa da questi e dai sudditi solo dopo aver provato a lungo la propria devozione e pazienza. Gli affreschi furono staccati e venduti nel 1897/98, ora si trovano, visibili al pubblico, al Castello Sforzesco di Milano. La Rocca è attualmente in fase di lento restauro ma è comunque visitabile previo accordo con i proprietari.
AZIENDE ON-LINE
• Cerca per
  Categoria

• Aggiungi la tua
  Azienda

• Pubblicità su
  Roccabianca Web

• Cerca un' Azienda

Costruzioni Manghi
 La Ricetta
Ogni giorno una ricetta diversa, per creare menù semplici ed appetitosi.
 L'Oroscopo
Nuovo tutti i giorni, in collaborazione con Oroscopofree.
La custodia: archiviazione
 Altri Siti
Terreverdiane.it
Verdi Sapori

Busseto Web
Felino Web
Fidenza Web
Fontanellato Web
Fontevivo Web
Noceto Web
Polesine Web
Salso Web
 Soragna Web
 Zibello Web
Fontanellato Web
Sansecondo Web
• Sissa Web
• Trecasali Web
Tutti i cinema delle province di Parma e Piacenza.



This Page is © Cities Web.
Web Design by Cities Web.
All rights reserved Cities Web 06/2002.