Sposiparma.it
 
LINK

 Parmigiano Reggiano vendita online
 San Pietro Sopra Le Acque
 Prodotti Tipici Marketing
 Tipic Hotels
 
 
LA CITTA'

  Itinerari turistici
  La Rocca
  Nei dintorni
  Fiere e Manifestazioni
  Mercatino antiquariato
  Premi e Concorsi
  Ambiente
  Gastronomia
 
 
I SERVIZI

 
Municipio
  Numeri Utili
  Trasporti
  Utilità
  Farmacie
  Anziani
  Sport Locale
Annunci Immobiliari Roccabianca
 
 
IL TURISMO

  Vie d'accesso
  Cenni storici
 
 
VARIE

  Home
  Chi Siamo
  Links
  Suggerimenti?
  E-mail
 
   L'avvocato Risponde
 
Mittente: Giuseppe Data: 19/02/2003
  
D. InviandoLe quanto lasciato come volontà,in testamento olografo,Le domando:possono le stesse ledere i diritti degli altri eredi,non potendo di fatto godere o disporre della propria quota in quanto vincolate dall'onere posto ??? TESTO:...chiamo a succedere nella intera quota disponibile del mio patrimonio mia figlia Elisa con l'onere di assistere vita natural durante la sig.Ida ..e di lasciare che abiti per tutta la durata della sua vita nell'appartamento di mia proprietà.... Le preciso che l'unico bene lasciato è l'appartamento in questione,che gli eredi sono tre (compreso Elisa). Che cosa possono fare gli altri eredi ? Spero di essere stato chiaro nell'esporLe il quesito e ringraziandola per la gentile risposta cordiali saluti. Giuseppe

R. Alla morte i diritti patrimoniali del defunto si trasmettono ai suoi successori potendosi l’eredità devolvere, ex art.457 c.c., per legge o per testamento. La devoluzione per legge a sua volta opera in due casi: in primo luogo, quando il de cuius non aveva fatto testamento succedendo in tal caso i suoi parenti, detti successori legittimi; oppure nel caso in cui il defunto aveva, disponendo del suo patrimonio per testamento, pregiudicato i diritti che la legge riserva a determinati parenti, detti legittimari. E’ questa l’ipotesi che si potrebbe verificare nel caso sottopostoci: con il testamento olografo da Lei redatto vengono trascurati determinati soggetti ai quali la legge riconosce il diritto di succederLe in una determinata quota dell’eredità (cd. quota di riserva). Tale quota infatti è attribuita per legge anche contro la volontà del defunto: pertanto oltre certi limiti l’individuo non può decidere a proprio piacimento a chi devolvere le proprie sostanze. Ai membri della sua famiglia che Le sopravvivono spetta quindi il diritto ad una quota del suo patrimonio indipendentemente dal loro eventuale stato di bisogno. Ciò posto, agli eredi legittimari esclusi è data facoltà di impugnare il testamento per far valere i propri diritti ed ottenere la quota loro spettante. Si precisa altresì che, nel caso in oggetto, è individuabile l’apposizione di un onere all’istituzione di erede: il suo inadempimento, in linea di principio, non da luogo alla risoluzione della disposizione testamentaria, potendo comunque il beneficiario di tale onere (nel caso la sig.ra Ida) agire in giudizio per ottenere la sua esecuzione in forma specifica.

:: Archivio Domande e Risposte ::
:: Inviaci una Domanda ::

AZIENDE ON-LINE
• Cerca per
  Categoria

• Aggiungi la tua
  Azienda

• Pubblicità su
  Roccabianca Web

• Cerca un' Azienda

Costruzioni Manghi
 La Ricetta
Ogni giorno una ricetta diversa, per creare menù semplici ed appetitosi.
 L'Oroscopo
Nuovo tutti i giorni, in collaborazione con Oroscopofree.
La custodia: archiviazione
 Altri Siti
Terreverdiane.it
Verdi Sapori

Busseto Web
Felino Web
Fidenza Web
Fontanellato Web
Fontevivo Web
Noceto Web
Polesine Web
Salso Web
 Soragna Web
 Zibello Web
Fontanellato Web
Sansecondo Web
• Sissa Web
• Trecasali Web
Tutti i cinema delle province di Parma e Piacenza.



This Page is © Cities Web.
Web Design by Cities Web.
All rights reserved Cities Web 06/2002.